Cos’è e come funziona il sistema operativo Tails

Quando si naviga in internet si lasciano inevitabilmente delle tracce della propria attività, del proprio passaggio all’interno dei siti e all’interno dei blog di sistema dei router e dei server degli Internet Service Provider, o delle compagnie telefoniche che forniscono l’accesso alla rete Internet.

Ovviamente tutto questo potrebbe non piacerci, per questioni legate alla nostra privacy. Questi sistemi utilizzano i dati di navigazione per desumere le nostre abitudini ed i nostri comportamenti ma anche i nostri gusti sulla rete Internet.

Con questi dati le aziende che li raccolgono riescono così a ritagliare dei servizi personalizzati di pubblicità di statistica che gli fruttano denaro. Vi sono ormai dei sistemi operativi che garantiscono l’anonimato molto più di quanto già faccia la funzione di navigazione anonima che ormai disponibile in ogni browser da Internet Explorer, a Chrome, a Firefox.

Alcuni sviluppatori hanno ad esempio inventato il browser che sfrutta la rete torrent ovvero la rete peer to peer, che suddivide i pacchetti di navigazione, facendoli transitare per migliaia di computer, in modo che non sia possibile risalire all’unica fonte di navigazione. Altri invece hanno inventato dei sistemi operativi completamente basati su software che garantiscono la sicurezza e l’anonimato di chi utilizza.

Fra questi annoveriamo il sistema operativo Tails, basato su una distribuzione gratuita di Debian Linux, che in effetti è anche il sistema operativo preferito dall’informatico statunitense Eric Snowden che è riuscito così ad aggirare i sistemi di sicurezza della National Security Agency ed a diffondere informazioni riservate ai media di tutto il mondo.

Il sistema operativo è stato rilasciato la prima volta nel 2009 ed è considerato uno dei sistemi informatici più sicuri in grado di navigare in Internet senza lasciare traccia e di proteggere la privacy ed i dati personali di chi lo utilizza.

Il suo nome, per esteso, è The Amnesic Incognito Live System ma meglio conosciuto da tutti con l’acronimo di Tails. Può essere installato su DVD, penne USB, schede SD ed essere avviato in maniera sicura su un qualsiasi computer senza essere installato su disco rigido.

Tails nasce proprio con lo scopo di garantire l’anonimato on-line e proteggere la privacy di chi lo utilizza. Al suo interno ha già installato un pacchetto di programmi e strumenti vari che consentono di aggirare ogni filtro di navigazione, o tentativi di censura. Tails permette di non lasciare alcuna traccia dei propri spostamenti virtuali.

Fin dal momento in cui si accende un computer si lasciano tracce dietro di sé che potrebbero permettere di identificare univocamente un utente piuttosto di un altro.

Inoltre la gran parte dei siti internet richiede l’utilizzo di cookies traccianti solitamente sfruttati per identificare le caratteristiche demografiche e sociologiche dell’utente, ad esempio l’età, la provenienza, la residenza oltre che a tracciare i siti Internet visitati, per identificare le caratteristiche ed i gusti delle persone, l’utilizzo degli accessi a Facebook o Google consente invece di legare in maniera inequivocabile un utente alla propria vita virtuale. Così, utilizzando i giusti strumenti, un computer permette di realizzare un identikit preciso ed univoco di chi lo utilizza, utilizzando le tracce che si lascia dietro.

Infatti Tails è un sistema amnesico. Ciò significa che non mantiene traccia di file salvati, di programmi installati, o di attività svolte, e ogni volta che si riaccende ripartirà sempre dallo stesso stato cancellando qualsiasi cosa sia stata fatta in precedenza, come se si avesse a disposizione ogni volta un nuovo computer.

Tails consente di navigare in Internet grazie ad uno dei migliori strumenti di crittografia e di protezione dei dati oggi disponibili per la navigazione, il browser Tor, a cui aggiunge altri software anonimi e crittografia anche per lo scambio di posta elettronica, messaggistica istantanea, o chat anonime, come quelle che si possono fare con il client Off-the-record, che garantisce sessioni di chat segrete e illeggibili agli occhi dei curiosi di turno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.