Che cos’è il coding e perché i vostri figli dovrebbero imparare a programmare

Dal 26 al 29 novembre a Milano c’è Codemotion. Vale la pena che tutti i genitori prendano in considerazione questo evento per farvi partecipare i propri figli.

Eh già… fra i tanti corsi che molti genitori costringono a seguire ai propri figli, come ad esempio, danza, yoga, teatro, kung-fu, pianoforte, violino, equitazione, chitarra, canto, ecc. semmai sia restato un giorno libero nella già pesante schedulazione del tempo libero dei bambini c’è qualcosa che certamente non è riservato solo agli ingegneri, ma che è per molti aspetti una materia sempre più necessaria per chi è nato in questo millennio, al pari dell’inglese.

«Imparare a programmare non serve solo a creare futuri programmatori, di cui pure c’è bisogno» spiega Alessandro Bogliolo, docente all’università di Urbino e «ambasciatore» per l’Italia della «CodeWeek», andata in scena lo scorso ottobre.

«Il salto di qualità — continua Bogliolo — si fa quando si inizia a pensare che il coding debba diventare materia di studio». E lo sta diventando un po’ in tutto il mondo. Barack Obama pochi mesi fa aveva esortato gli studenti americani: «Non comprate un nuovo videogioco, fatene uno. Non scaricate l’ultima app, disegnatela».

In Italia, tra le linee guida del progetto del governo sulla «Buona Scuola» è citata anche l’«educazione al pensiero computazionale e al coding nella scuola italiana».
Segnali che questi temi hanno raggiunto le istituzioni, sotto la spinta di un movimento dal basso. Sono moltissimi ormai i corsi, i work-shop e gli appuntamenti nel nostro Paese. Il concetto chiave è il «pensiero computazionale», che ricorre anche nel documento del governo. «Significa pensare in maniera algoritmica ovvero trovare una soluzione e svilupparla — dice Bogliolo —. Il coding dà ai bambini una forma mentis che permetterà loro di affrontare problemi complessi quando saranno più grandi». Insomma imparare a programmare apre la mente. Per questo si può cominciare già in tenera età.
Anche per uscire da un equivoco: quello che i nostri bambini, i cosiddetti «nativi digitali», siano bravissimi con le nuove tecnologie. «È un luogo comune» dice Massimo Avvisati, responsabile didattico dell’area Kids di Codemotion. Poi spiega: «Per gli adulti il tablet o lo smartphone sono una finestra di libertà. Molli il piccolo davanti a quello strumento per una mezzora, ti godi un po’ di pace, poi lo vedi disinvolto con la tecnologia e pensi che tutto finisca lì. Ma è una fruizione passiva».

Quando i bambini si avvicinano al coding, invece, diventano soggetti attivi della tecnologia. I risultati sono immediati. In poco più di un’ora si può creare un piccolo videogioco, funzionante: «Li rendiamo produttori di tecnologia. E i ragazzi via via maturano anche una presa di coscienza. Quando lavorano per il loro videogame vogliono che sia difficile. “Altrimenti chi lo usa si annoia”, dicono. Iniziano a vedere le cose da una prospettiva diversa» aggiunge Avvisati.

Per fare tutto ciò servono strumenti adatti. Il più diffuso è Scratch: un «tool» di programmazione visuale (il codice del programma non deve essere digitato) ideato al Mit di Boston. Ne esiste persino una versione «junior» per chi ancora non sa leggere (dai 5 anni).

Crescendo le cose si fanno più complesse e il software si può interfacciare con il mondo fisico di altre «discipline» di frontiera: stampa 3D, hardware programmabile (tipo Arduino e Rasberry Pi), Lego Mindstorms e altro.

Ai genitori non è richiesta nessuna preparazione particolare. Se non quella di chiedere ai figli che cosa li incuriosisce di più, mostrando siti o brochure.

L’attenzione al coding è in crescita anche da noi, alimentata da progetti come la «CodeWeek» che ha coinvolto 30 mila studenti (grazie anche all’interessamento del Ministero per l’Istruzione).

Spiegano i responsabili del Campus La Camilla, un tecno-agriturismo a Concorezzo (Monza): «Quando siamo partiti con corsi di Scratch dai 7 agli 11 anni è stato un azzardo, ma ora abbiamo sempre una decina di iscritti. Con 10 ore si ha già una buona base».  Oggi l’approccio al coding è completamente diverso: si punta alla scuola primaria e poi alle medie (secondarie inferiori) perché l’obiettivo è fornire, anche con pochissime ore di lezione, un approccio logico alla programmazione Non si insegna un linguaggio specifico che magari, quando i bambini saranno adulti, sarà già stato accantonato da anni.

La filosofia alla base del movimento dei Coderdojo, che molto ha già fatto per il coding, è quello dei metodi attivi, cioè il “learning by doing”. Imparare facendo. I bambini sono immersi in un ambiente logico e matematico, ma la creatività e la fantasia hanno un ruolo centrale negli incontri sul coding di oggi.

Io di quei corsi di Pascal di 30 anni ricordo noiosissime e interminabili lezioni “frontali” teoriche (ma forse non ho avuto buoni insegnanti…) Il movimento del coding promuove altri “valori” quali quelli del software libero, della condivisione e del “remix”, ovvero del riuso del codice realizzato da qualcun altro. In un mondo di steccati e “walled garden” erette da questa o quella big dell’elettronica di consumo è bene che più i giovani conoscano alternative. Non è necessario e forse neanche utile puntare a far diventare il coding materia di studio curriculare in Italia. Mancano gli strumenti e la formazione degli insegnanti, sopratutto nella scuola primaria.

Finora le iniziative hanno portato a portare nelle scuole, le esperienze (spesso volontaristiche) fatte sul territorio da gruppi e associazioni. E potrebbe essere la via giusta, almeno per un po’ di tempo.

Un punto importante: l’approccio ludico alla programmazione permette di rinforzare e di far comprendere meglio anche le tradizionali materie scolastiche. Come mi spiegava Massimo Avvisati di Codemotion: “Se in geometria hanno studiato l’angolo giro e nel videogioco che costruiscono devono ruotare un’astronave, ecco che riescono a dare un senso al concetto di 360 gradi. A 7 anni con Scratch riescono già a capire il sistema di coordinate cartesiane. Ma può valere anche per le discipline letterarie“

Avviso per mamme e papà: il coding non è una cosa “da maschietti” ma un ottimo strumento per avvicinare le discipline matematico-scientifiche anche le bambine. E aiutare al colmare in prospettive il “gender gap” che il settore sconta, anche ma non solo in Italia

L’edizione di Milano, con conferenze, corsi e workshop, è al Politecnico in Bovisa dal 26 al 29 novembre. Le attività Kids per bambini sono sabato, tra le 10 e le 18 (prenotare). Altri corsi di coding per bambini? Presso i Coderdojo italiani, vere palestre per imparare a programmare che hanno molte attività riservate ai più giovani.
Informazioni su coderdojoitalia.org.
Il progetto L’Ora del Codice si svilupperà dall’8 al 14 dicembre in oltre 180 Paesi, tra cui l’Italia. Per i più grandi (ma non solo) oltre al coding, si può passare anche ad argomenti quali stampa 3D, interazione con l’hardware (Arduino, Rasberyy Pi, Lego Mindstorms, etc).

Il Museo nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano ha un laboratorio di Tinkering come varie attività. Come Scratch è il «tool» più usato per avvicinare i bambini alla programmazione.

LINK

Scratch (http://scratch.mit.edu/) è il «tool» più usato per avvicinare i bambini alla programmazione.
Dai 5 anni si può usare ScratchJr (http://scratchjr.org/): anche per iPad
Sempre per iPad c’è anche HopScotch (http://gethopscotch. com), gratuita.
Stencyl (http://stencyl.com/) è un’alternativa a Scratch.
Per i più grandi c’è Processing (http://processing.org/) .
Giochi per pc e console consentono di creare «mondi» e livelli, e poi condividerli. Il più celebre è Minecraft, ma ci sono anche titoli per console come i recenti Disney Infinity 2.0 (https://infinity.disney.com/it/game-info) e Little Big Planet 3

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.