Google acquista Titan Aerospace

Facebook e Google si sono contesi sino all’ultimo minuto l’acquisto della Titan Aerospace, la società che ha messo a punto un drone volante, il Solara 60, in grado, grazie ai pannelli solari che lo alimentano, di restare in volo per un periodo di cinque anni. I vantaggi rispetto ad un staellite di telecomunicazioni tradizionale, sarebbero il costo, decisamente inferiore, e la possibilità di ricevere eventuali riparazioni o lo scarico dei dati acquisiti direttamente al suolo.

I droni che volerebbero non-stop per 5 anni a zero emissioni sarebbero utilizzati per portare Internet, in località della Terra, dove nessuno lo ha mai fatto prima e, a quanto ha affermato la Titan, raggiungendo una velocità di 1 gigabyte al secondo per un raggio di quasi 2mila chilometri.

I Solara60 sono progettati per volare a un’altezza di 20mila metri, ben al di sopra delle rotte convenzionali; un’altitudine, inoltre, che ha il vantaggio di metterli al sicuro dai rischi che venti e variazioni atosferiche potrebbero comportare sul volo.

Questi aerei che hanno la capacità di portare in volo un carico quasi di 100 chilogrammi, sono dei veri e propri droni suborbitali. Grazie ai pannelli solari, installati sulle ali, che hanno un’apertura di 50 metri, è in grado di restare in volo negli strati superiori dell’atmosfera.

L’utilizzo dei Solara60 rientra nel progetto www.internet.org, con l’idea di realizzare una rete di 11.000 hot spot volanti, ad esempio per coprire zone dell’Africa che sono senza connessione alla rete Internet. In effetti, quella che parrebbe un’attività benefica, voluta dalla compagnia che si ha acquisito la Titan, è stata un’azione strategica ben articolata, poichè in cambio della linea internet, l’azienda che eroga il servizio di connessione entrerà automaticamente in possesso dei dati degli utenti e delle loro abitudini di internauti, quindi dei loro gusti e preferenze, che potranno tradursi in nuove entrate economiche, oltre ad esservi l’obiettivo di mappare gli utenti del web ovunque essi siano.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.